-Certo-


Non sarebbe certo stato nelle mie intenzioni, quello di vivere negli ultimi dieci anni. Eppure era un mezzocielo in ogni stagione.

Ora la luce si stacca dal velo e in alto è umido sulla curva delle labbra.

Sospesa, giaccio con la cenere sui capelli. E’ di certo un fiore di parola, il sorriso che riempirà il mio pensiero di te.

E l’asfalto riprende la sua corsa. E la sua corsa, l’asfalto, riprende.

b.l.

Annunci

Tagl’io


Tengo quel taglio nella mano, dove prima stringevo la lama dalla parte affilata.

Un bel filo non fu mai scritto, diresti tu. Il mio pensiero diventa così sorriso.

Ora le parole sono strade bagnate che portano solchi, come su una lastra di rame, acido a colorare il verde, persino d’autunno.

Troppo è lo spazio tra un rigo ed una riga, pentagramma da lettura e carezze a pelle.

Manco con la stessa intensità con la quale tu ci sei

b.l.

(dedicato)

*Via (12/08/2013)


 

.

un toast con l’avvocato

pianista d’eccezione

senza farfallino

.

spicca compagnia

d’incensurata locuzione

prodigio, passionale acuto

.

un’onda di musica

suggerimento cerebrale

“vieni via con me”

.

Dove?

Perché sperare

nel biglietto di sola andata

.

per quale mare sfitto?

.

Pregiudicato,

.

il domani attende

un portafoglio per strade senza monete

.

b.l.