shhhhh…


foto personale
foto personale

clicca qui per ascoltare l’audio…

.

sto ascoltando da una torre

il baciarsi di parole

.

avide tra le labbra del cielo

sedute sulla coltre della terra

.

a piccoli sorsi quasi si mordono

curva di porpora

.

ma il buio bussa alle porte

al silenzio che tace

.

ascoltando quello schioccare

umido e dolce

.

scuro decide

che tarderà ancora un pò

.

nel sorriso suo si fa rosso

e nel blu-luce timido anche lui

.

si confonde!

b.l.

Annunci

Vasu di lu suli


scorcio di Trapani al tramonto - fotoweb
scorcio di Trapani al tramonto – fotoweb

clicca qui per ascoltare l’audio…

.
Cu lu vasu di stu suli
nascivi n’da st’amara e duci terra
chi chiamu amuri
ciauru di ciari vagnati a fari guerra
sbattuti da li flutti di lu mari
.
Nun c’è abbannunu cchiù granni
di pinzariti luntana
e lu mari è cchiù grossu pi li lacrimi
chi mi nescinu di l’occhi a funtana…
.
Amici mei
vi lu vogghiu diri
ogni ghiornu aspetto lu ciauru
di sti zagari ca si fannu pinzeri
comu li ciuri di casa mia!
b.l.

Ice Cream Book Tag!


Buona sera a tutti.

Questa volta non scriverò in corsivo, malgrado stia andando a braccio e in modalità discorsiva.

Mi è arrivata da  Neda https://undentedileone.wordpress.com/ 

la nomina per partecipare a:

Ice cream book tag, creato da: Lettere d’inchiostro (clicca per leggere le regole).

E’ un simpatico gioco che associa il gusto della lettura al piacere di un buon gelato estivo.

Ringrazio quindi Neda e procedo con le mie scelte.

Ah, dimenticavo, le scelte dei miei titoli a volte sono espressione assolutamente personalizzata del tema richiesto in ogni gusto… alla faccia dell’anticonformismo e dell’originalità!

Melone: Un libro che hai già deciso di leggere durante l’estate

IMG_1344

Donne d’inchiostro: nasce dalla collaborazione di persone speciali, gran parte di loro sono blogger affermati, che hanno voluto mettersi in gioco e donare un racconto. Ne sono nate due Raccolte: Donne d’inchiostro e Uomini su Carta. Tutto per poter aiutare chi ha bisogno attraverso l’associazione Progetto Alfredo onlus a cui saranno devoluti tutti i proventi degli autori (già ordinato, aspetto che arrivi in libreria).

.

Menta: Una serie che ti è entrata nel cuore

double-harry-potter-voldemort-hp7-1600x12001

La saga di Harry Potter: ebbene si, ho letto i primi due libri per staccare la mente dal lavoro con qualcosa che poteva essere a mio parere più leggero… e mi sono appassionata!

.

Limone: Una serie difficile da digerire

Mann, Thomas - I Buddenbrook

I Buddenbrook: eh si, lo so che non è una serie, ma a parte Harry Potter, non ho letto altre saghe, mi sento legata nel leggere delle saghe ad episodi, così come non sopporto molto i serial televisivi…

Sui Buddenbrook posso dire che l’ho trovato molto pesante, cosa che con altre letture di Thomas Mann assolutamente non mi è mai più successo!

.

Tiramisù: Un libro che ti ha tirato su il morale

nE37aQJ

Cucinare col Fernet Branca: finalista del Booker Prize nel 2004, parodia dei ricchi stranieri immersi nell’idillio della dolce vita italiana…

.

Fiordilatte: Un classico

images

Moby Dick: no words…

.

Fragola: Un libro con una tenera storia d’amore

33004066_recensione-di-seta-di-alessandro-baricco-0

Seta di Alessandro Baricco: non è la classica tenera storia d’amore ma a me questo Monsieur Joncour trasmette tanta tenerezza… forse perché rimango affascinata dall’universo emotivo maschile!

.

Cioccolato: Un libro di cui ti aspetti il seguito

9788817027816_zps175ec6ad

Un cappello pieno di ciliege: …non si può definire un libro di cui potrai aspettarti il seguito, visto che è il libro di Oriana Fallaci uscito postumo ma, amando molto questa autrice, molto nelle mie corde come modo di scrivere, anche se non sono sempre stata in linea con le sue idee, il desiderio di leggere qualcosa di lei di inedito è grande in me…

.

Caffè: Un libro che ti ha fatto stare sveglio la notte

kristof_ieri

Ieri (Agota Kristof): “Mi sembra che il cielo si prepari alla pioggia. Forse è già piovuto mentre piangevo.

Non c’è dubbio. Più su delle mie mani, l’aria ha preso colore e, accanto alle nuvole nere, l’azzurro è trasparente…” (estratto).
.
A questo punto debbo nominare altri blogger per continuare questo simpatico gioco che, volto anche all’approfondimento della conoscenza tra chi coltiva la passione della lettura… quindi, senza impegno da parte vostra, sappiate che vi ho pensato in quest’occasione:

Continua a leggere “Ice Cream Book Tag!”

tempio distante


suonatore di gong - fotoweb
suonatore di gong – fotoweb

clicca qui per ascoltare l’audio della poesia…

.

la mano non mi dice

come se non sentisse nulla,

e scomparisse in esso,

la credo monca

di quella carezza non data

.

negli occhi chiusi

vento di capelli e profumi

chimica che stringe

soffoca odori

che non sappiano di acre

.

perdersi

è strano volerlo

i passi guidano i piedi

richiamo di pelle, è un suonatore

picchia su un enorme piatto di rame sospeso

.

è un momento di armonia

nèspole acerbe ad assaggiarle

prendono gusto

se tenute in bocca

prima di mandarle giù

b.l.

mi dicevi…


dipinto di Steve Hanks
dipinto di Steve Hanks

.

non me lo hai mai detto.

So solo che mi sono trovata a pensare, sai? …a sentire, a provare quanto e sin dove questa energia potesse portarmi. 

Cominciare con le minuscole mi piace, lo sai -credo- forse perché è così che mi sento, minuscola. Mi piace esserlo, nascosta per non farmi rubare i pensieri: se me li rubano, come faccio io a regalarli?

Sai perché dormo sempre con la testa sotto le lenzuola malgrado il caldo? Ho sempre avuto la necessità di difendermi, di coprirmi. Tu invece te ne sei andato, di botto, senza scoprirmi la testa, la domenica mattina, canticchiando la canzone che ancora oggi mi fa venire i brividi. La paura non è stata mai il mio forte, forse per questo ho sbagliato diverse volte nella mia vita. Dovevi insegnarmi la paura, tu che sei stato il primo amore in questa mia vita. Non ti ho mai pensato a fare l’amore con la tua donna (che non potevo non amare da dentro). A te ho dovuto amarti dal di fuori, non sono stata nel tuo ventre e non mi hai cullato nella voce dentro l’acqua. E tu? Ti se accontentato nel cullarmi con il canto, la domenica mattina mentre mi scoprivi la testa e mi dicevi “su dài, che la colazione è pronta, pigrona!”

sei tu!


A mio padre…

Dove l’acqua si ferma


Questa poesia è un’ode secondo me magnifica. Mi piacerebbe avere un’opinione da chi la legge, tra i miei contatti.
Sottolineo la fonte della stessa, ovvero l’E Book “I quaderni di Erato” N. 5 di Giovanni Baldaccini.
Buona lettura!

Per chi è interessato al lavoro di questo autore, questo è il link dell’E Book

https://www.facebook.com/groups/lapresenzadierato/?fref=ts

scrivere per immagini

(Manfredi Beninati) (Manfredi Beninati) Tratta dall’E Book “I Quaderni di Erato” N. 5

Capita
di viaggiare per mare
vedere le balene
scendere stelle
che si sciolgono d’acqua
quando il vento risale
dal fondo fino agli occhi
donne al largo.
Capita
di orientarsi di odori
che vengono da dove si ritorna
forse senza una storia
o una bottiglia
dentro un biglietto implicito
come da me
che remo con le mani
dove l’acqua si ferma
per spingerla fino a casa tua
dove abitavo
senza sapere se ti trovo ancora
o mi vedrai.

View original post