Riflesso di me


Fotoweb
Fotoweb

clicca qui per ascoltare…

.

è un trovarti nel perdermi

come nuovo essere,

nella completezza del mancante

in un respiro di mancamento

.

è espressione di gioia in

un lamento, della vita che rinasce

respiro su respiro

parola dopo parola ed occhi chiusi

.

è musica nella voce

labbra socchiuse a berti col pensiero

sorso a sorso

ancora prima dell’avicinare i fiati

.

è riflesso di me in

un pensiero

che ti appartiene

b.l.


.

Annunci

Lividi


Fotoweb
Fotoweb

clicca qui per ascoltare…

.

Tutto appartiene

al mio pensiero di te

.

le corrispondenze mancate

tacciono in un’illusione di bellezza

in una speranza d’amore

.

ti medico nelle mie ferite alle braccia

ti assumo in ogni sferzata di cinghia

aspettando le tue lacrime

.

ma ogni tanto spero

che smetta, col mio respiro

questo dolore

b.l.


 

Canto di canneto


Saline di Trapani (fotoweb)
Saline di Trapani (fotoweb)

.

partendo dal fatto che

stavolta scrivo di te

e non lo faccio quasi mai

.

intendo cantarti come un flauto di pan

soffiandoti dentro

canne strette e tagliate 

.

in cima ed in fondo

sei parte di un intero

legato 

.

nello scioglierti

avresti un solo tono

forse, il più tuo!

.

ho trattenuto a lungo

questo fiato a liberare

la voce

b.l.


Pagaie


fotoweb
fotoweb

clicca qui per ascoltare…

.

passa il velluto umido

carezza sui seni

e poi, fino in giù

.

sei,

.

nel mio velluto ti ho passato

nella sofferenza del momento

e maturandoti, ho maturato

.

forti le gambe nel prenderti

e lasciarti

senza lasciarti andare

.

sostenermi su di te ed affondare

nel mio fondo

duro quanto basta

.

se vuoi dirmelo non farlo

ora

le parole sono lingua e denti

.

è animale che annusa,

questa pelle è

match di pugni di abiti scivolati

.

nei reni l’atto sacro

scandisce un orologio

anni di attimi in dissolvenza

.

pagaie appaiate di un kayac

fendono schiume

per raggiungere placide acque

b.l.


Il capitano del fischio


l_1148_vento-in-poppa-2

clicca qui per ascoltare…

.

.

sulla fronte alta degli abeti

cantasti la melodìa

che eri e che fu urlo

di rabbia pece, distese cobalto

calme

e

pesci parlanti alle reti squarciate

in giochi bagnati

.

in quel giorno grosso

ma poi snello e sinuoso

sempre risorsa

di perduti

che invasero la via

dei vissuti

sono fischi nella bocca del vento

che cambia direzione 

b.l.