La vittoria delle certezze (ricordi)

La guerra e la culla. Strano a dirsi, eppure tutti i giorni si uccideva e tutti i giorni si amava …e tutti i giorni si nasceva.

1940, la città del Ponte del Diavolo e tu. 1940, dicevo, Giuseppe Andrea Luigi, per non darla vinta al sacerdote che voleva un nome solo.

Erano i tempi in cui si cercava la gioia col lanternino, per aiutarsi a credere al domani e a bandiere senza ossa incrociate, quando le piccole cose venivano ascoltate e le mani erano tese per aiutare e basta. E così piano crescesti, così, piano, imparasti l’allegria della pentola con la minestra-di-candela, della volta in cui non ci fu tempo per mettere il coperchio al momento della sirena e che fu ritrovata ancora a ribollire con uno strato di polvere di bombardamento sopra e, tolto lo strato, fu buona lo stesso.

E di quella notte di luna, che all’uscita dal rifugio, tutto intorno a voi era distrutto, del ricordo dei pianti intorno a te e tu, bambino, fino ai tuoi nove anni, conservasti la paura della luna piena.

…e mi “imparasti” che le piccole cose si ascoltano ancora, che non siamo soli, che non si muore se c’è chi ancora ti porta nel cuore.

b.l. (brutta e vigliacca)

Annunci

Autore: brigi1969

Amo definirmi la terza scimmietta "anomala": non vedo, non sento ...ma scrivo! Questa passione, insieme alla fotografia ed alla musica muovono i passi di una vita con difficoltà ma, per fortuna, senza particolari drammi. Un caro saluto a chi vorrà leggermi ogni tanto...

5 pensieri riguardo “La vittoria delle certezze (ricordi)”

    1. Zena, Tu sei isola tra le pochissime che cerco, oltre che leggere con vero piacere.
      Le parole per ora sono sassi, sto cercando di trarne ancora colori oltre il grigio (come il cuore di corindone che Giuseppe Andrea Luigi ha scolpito con le sue mani e mi ha donato. Il corindone, uno dei materiali più duri e resistenti esistenti in natura, di colore rosa antico).
      Si, sei isola dove approdare al sicuro dal rumore.
      Un caro abbraccio.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.