Cantiere (26/8/2013)


L’ala è dolorante

senza risparmio continua a sostenere

il volo assurdo

.

Nella ruggine

una lima pulisce con violenza

il suo lavoro è raschiare

.

Coi piedi bagnati e l’ombrello

ascolto la prova della pioggia

a rinfrescare il mare

.

altri marinai aggiustano le reti

e nel cantiere

un’anima che non capisco canta

.

non ha pescato

ma tornerà a casa sfamando

l’intera famiglia

b.l.

Annunci

-Il canto dei Sicani-


Il tonno, nel mare del suo sangue, tinge il piccolo peschereccio che toglierà la fame del villaggio.
Fratelli in mare piangono; fratelli sulla terraferma sorridono e preparano la brace.
La voce, canto antico, dice del ritorno e intanto, sangue tinge il cielo e il mare di preghiera delle donne.
E il vecchio tesse ricordi di fiocina. La sua barca è ora sale e sole, sulla riva.

b.l.

-Ruotatoia-


clicca per ascoltare…

Macina, macina buona farina, che profumi la prossima mattina. Macina grosso, macina sale, frangi lacrima d’oliva col pane
e il pane profuma di sano e di buono… macina dunque, a darci ristoro.
Il dolce e il salato, formaggio e patate. Vino novello e grasse risate.
Che importa la maschera, che importa la stanza. Macina note, nella tua danza.
Ore(cchio) in piena d’attenzione spande, chi non vorrà danzare, resterà in mutande. Mutande mutato, dal dito è imputato: suvvia, s’alzi dunque, il sipario è calato.
Sorride, lo dica, attraverso il telone, sorride e non dice del mero fiatone che ci ha tratto e salvo in camicia di seta, sorrida ancora -la prego- questa è la nostra meta!

b.l.
 Macina, macina, bbona farina chi ciaurìi dumani matina
Macina grossu, macina sali
rumpi lacrima d’oliva cu lu pani
…e lu pani profuma di sanu e di bbonu
macina allura, a darimi ristoru!
‘U ruci e lu salatu, formaggiu e patati
vinu picciriddu e grassi risati.
Nun cunta ‘a mascara. Nun cunta ‘a stanza
macina noti, abballa ‘a to danza
Aricchia tisa ascùta mai stanca
e cu nun voli abballari aìsa la mutanna all’anca
Mutanni canciàti, cu l’indici additàti, si susissi perciò
chi li tendi su’ calati
E riri,  lu ricissi, trapanannu li tila,
e riri senza taliari li stanchizzi e li fila
…e abbuttunatu ‘nda la cammisa di sita,
ririssi ancora, pi favuri, chi mi paca munita!
b.l.

 

 
 

mai nessuno mi assise a reginetta del ballo…


Castello di Carini - fotoweb
Castello di Carini – fotoweb

.

ancora lento scorre

il quadrante rotondo

il frammento di questo mondo

stanco senza alfiere e torre

.

quanto serve chiudere 

il battente dopo la tempesta!

la mano non fu abbastanza lesta

né la penna smise di scrivere

.

anche se la fiamma fu colpita

a morte, da soffio bagnato

e sprecai tutto il mio parlato,

tenacemente espresso a suon di dita

.

suola incrostata di fango riposa

appesantisce i passi

incontro ai giorni mai più grassi

non più figlia… e mai sposa

b.l.

_____________________________

La chiave di lettura di questo testo

è celata nella foto ad esso allegata!

Vasu di lu suli


scorcio di Trapani al tramonto - fotoweb
scorcio di Trapani al tramonto – fotoweb

clicca qui per ascoltare l’audio…

.
Cu lu vasu di stu suli
nascivi n’da st’amara e duci terra
chi chiamu amuri
ciauru di ciari vagnati a fari guerra
sbattuti da li flutti di lu mari
.
Nun c’è abbannunu cchiù granni
di pinzariti luntana
e lu mari è cchiù grossu pi li lacrimi
chi mi nescinu di l’occhi a funtana…
.
Amici mei
vi lu vogghiu diri
ogni ghiornu aspetto lu ciauru
di sti zagari ca si fannu pinzeri
comu li ciuri di casa mia!
b.l.