Kursk


Kursk (fotoweb)
Kursk (fotoweb)

clicca qui per ascoltare…

un secondo ancora

il tempo di un respiro per chiamare

madre o un altro amore,

dov’é buio di oceano e nel cuore

dove non si può scappare dal finire

.

fiato per abbandonarsi ad un ricordo

al profumo della carne alla brace

fotografie spensierate

dove l’ultima torcia si è spenta

in quella camera oscura

.

fuori è agosto

e intanto lì si muore!

b.l.

.

La tragedia del sottomarino Kursk nel mare di Barens il 10 agosto del 2000… in ricordo delle vittime una prece.


Annunci

Cobalto e miglio


Roma - Cimitero Acattolico
Roma – Cimitero Acattolico

clicca per ascoltare

e nel dormire

rilasci le piume

sul mio letto

.

non si conoscono i sogni

della seta

.

sopra, è tinto

di vestiti

degli angeli

.

sotto, vele dischiuse

catturano i raggi di una presenza costante

sin dal concepimento

.

cielo-cobalto

nutre

con miglio sulla terra

b.l.

.

Un sogno di una persona cara che ormai parla tra le palpebre chiuse, come vele a catturare il vento per proseguire il proprio viaggio. Un sogno color cobalto, come le vesti degli angeli del cielo…


Aldo (ricordo)


ricordo
Fotoweb

.

Scrivo in corsivo, per sottolineare il fatto che sto parlando.

Immagino il tuo ascoltare, come se queste parole stessero davvero uscendo dalle mie labbra, leggendovi tra le righe i miei respiri e quelle pause che non hanno bisogno di virgole.

Quel giorno ero già in borghese, via camice e via cartellino. Ti davo del Lei, potevi essere mio nonno, infatti avevi nipoti della mia età. Quando tornai nella tua stanza, ti trovai seduto sul letto, gli occhiali da lettura ed il giornale in grembo. Dal profondo di quelle gocce di acqua marina mi sorridesti, aspettasti tuttavia le mie parole:

– Aldo, posso parlare un pò con lei?

Il sorriso si estese al volto tutto e mi invitasti giù nel seminterrato, per un caffé (quello delle macchinette non è a tutt’oggi niente male). Coi bicchieri caldi tra le mani, seduti al tavolino rotondo di metallo approntato in quel luogo, mi invitasti a parlare…

– Sono rimasta scioccata nel suo racconto della deportazione in Russia. Come ha fatto a resistere, come ha fatto…

– Bambina mia -hai detto- ogni ferita che sento è un ricordo delle persone che ho lasciato lì, ragazzi che come me affondavano il passo fino a metà coscia nella neve dura; quanti di noi sono morti in quel ritorno, prima di cadere a terra. Ad occhi spalancati, non c’era tempo per piangere e fiato da salutare, strappavo la piastrina di riconoscimento, cercavo la lettera di saluto alla famiglia che tutti avevamo intasca e pensavo “mamma, non posso darti anch’io questo immenso dolore”…

.

.

Aldo G. è mancato nei suoi splendidi capelli bianchi, spentosi di cancro pochi mesi dopo quell’episodio, nel 1999.

Non ricordo con precisione tutte le parole che mi disse, ricordo perfettamente quel “bambina mia” e quelle gocce di acqua marina.

b.l.