Riflesso di me


Fotoweb
Fotoweb

clicca qui per ascoltare…

.

è un trovarti nel perdermi

come nuovo essere,

nella completezza del mancante

in un respiro di mancamento

.

è espressione di gioia in

un lamento, della vita che rinasce

respiro su respiro

parola dopo parola ed occhi chiusi

.

è musica nella voce

labbra socchiuse a berti col pensiero

sorso a sorso

ancora prima dell’avicinare i fiati

.

è riflesso di me in

un pensiero

che ti appartiene

b.l.


.

Annunci

Da ora è per sempre


fotoweb
fotoweb

clicca per ascoltare…

.

Scuro di pareti

angoscia

il suo dolore d’attesa

geme

.

da un sicuro tempo

al fuori d’improvviso

Attimi

di tante mani

.

e lontana una melodia stanca

con l’unico sapore che conosce:

.

Ditemi, vi prego, che sta bene”

b.l.

_______________________________________________________

Dedicato a tutte le madri…


Kursk


Kursk (fotoweb)
Kursk (fotoweb)

clicca qui per ascoltare…

un secondo ancora

il tempo di un respiro per chiamare

madre o un altro amore,

dov’é buio di oceano e nel cuore

dove non si può scappare dal finire

.

fiato per abbandonarsi ad un ricordo

al profumo della carne alla brace

fotografie spensierate

dove l’ultima torcia si è spenta

in quella camera oscura

.

fuori è agosto

e intanto lì si muore!

b.l.

.

La tragedia del sottomarino Kursk nel mare di Barens il 10 agosto del 2000… in ricordo delle vittime una prece.


Cobalto e miglio


Roma - Cimitero Acattolico
Roma – Cimitero Acattolico

clicca per ascoltare

e nel dormire

rilasci le piume

sul mio letto

.

non si conoscono i sogni

della seta

.

sopra, è tinto

di vestiti

degli angeli

.

sotto, vele dischiuse

catturano i raggi di una presenza costante

sin dal concepimento

.

cielo-cobalto

nutre

con miglio sulla terra

b.l.

.

Un sogno di una persona cara che ormai parla tra le palpebre chiuse, come vele a catturare il vento per proseguire il proprio viaggio. Un sogno color cobalto, come le vesti degli angeli del cielo…


Buona notte


buona
Renoir

.

Il cielo lavato, ancora cupo

minacciava i bambini

nel buio sotto le coperte

.

io ero rapita dalla danza di fiammella

che nel guadagno del tavolo regalava ombre

in cucina

.

– Papà, perché

l’olio perde il suo colore?

e nell’amore dei suoi occhi rispondeva

.

– Gioia mia

quand’era giovane sapeva

d’essere stato oliva

.

…come lui

aveva i capelli grigi

ora

b.l.


A mio padre ed ai suoi splendidi insegnamenti.