mai nessuno mi assise a reginetta del ballo…

Castello di Carini - fotoweb
Castello di Carini – fotoweb

.

ancora lento scorre

il quadrante rotondo

il frammento di questo mondo

stanco senza alfiere e torre

.

quanto serve chiudere 

il battente dopo la tempesta!

la mano non fu abbastanza lesta

né la penna smise di scrivere

.

anche se la fiamma fu colpita

a morte, da soffio bagnato

e sprecai tutto il mio parlato,

tenacemente espresso a suon di dita

.

suola incrostata di fango riposa

appesantisce i passi

incontro ai giorni mai più grassi

non più figlia… e mai sposa

b.l.

_____________________________

La chiave di lettura di questo testo

è celata nella foto ad esso allegata!

Annunci

Autore: brigi1969

Amo definirmi la terza scimmietta "anomala": non vedo, non sento ...ma scrivo! Questa passione, insieme alla fotografia ed alla musica muovono i passi di una vita con difficoltà ma, per fortuna, senza particolari drammi. Un caro saluto a chi vorrà leggermi ogni tanto...

10 thoughts on “mai nessuno mi assise a reginetta del ballo…”

      1. Vecchio latifondista, s’impadronisce di terreni non suoi, uccidendo i proprietari confinanti. Qualche generazione dopo, un discendente si riaffaccia in terra di Carini e trova le tracce e poi le carte che provano i misfatti. L’erede, uomo di una certa età che aveva anche comprato -tra le altre cose- la bella moglie – e la trattava da padre/padrone, in combutta col padre di lei che aveva a gola fondere ancora più patrimoni, inscenò l’uccisione del discendente riaffacciatosi dal passato facendolo apparire come delitto d’onore, uccidendo, insieme a lui, la propria giovane moglie…
        E’ una triste leggenda ma è anche specchio di una realtà che noi donne, anche se modernizzata, ancora troppo spesso subiamo…
        Ps: anch’io ricordo la storia in modo sommario, ma la morale è comunque questa.

        Liked by 1 persona

  1. una chiusa che stringe il cuore quel “e mai sposa” è una pugnalata : riassume la solitudine, l’emarginazione, l’incompletezza. Poesia amara che nel riverbero della radici canta il suo dramma. La Baronessa di Carini mi ricorda qualcosa ma è nelle pieghe del tempo ormai. Ciao

    Liked by 1 persona

  2. È una poesia triste, vera, bellissima, che ci rappresenta in questo terribile aspettare senza mai trovare né appagarsi. Ultimamente io mi sono stufata di aspettare questo e quello e così sono ancora più cosciente di certe amarezze. E ricordo la fanciulla sognante, quella che chiamo “ballerina” e che canto continuamente in ogni sfumatura, adesso il tempo si chiude, l’orologio a cucù grida nelle orecchie, gli amici se ne vanno dietro speranze inutili come fu per me in un tempo remoto. Mi accorgo di essere niente per nessuno, eppure chiedevo così poco, non l’ho avuto mai, tale era il mio amore che non volli distinguere la realtà lampante.

    Liked by 1 persona

    1. …suola incrostata di fango riposa, appesantisce i passi incontro ai giorni mai più grassi: non più figlia… e mai sposa
      Questo è il canto di noi donne che hanno molto tempo da dedicare a coloro che sono impegnati e che assorbono il nostro dedicarci, fino ad utilizzarci in guerra ed in pace, nella vita e per la nostra stessa vita.
      Dolcissima Mimma, ti mando un abbraccio fortissimo e spero di leggerti presto!
      Grazie per la tua presenza qui, ma non privarci ancora a lungo dei tuoi colori…
      BacioBacio

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...