piccola


Dipinto di Steve Hanks
Dipinto di Steve Hanks

.

seguo quella linea immaginaria

è inutile chiedere

è mia!

.

come quel sorriso che non conosci

e che quando vedi

dimentichi

.

mille volte spiegherei

senza mai

farti raggiungere

.

tu non eri lì

o forse 

non ero io

.

con te

b.l.

Annunci

disarmonie in essenze


Auguste Rodin
Auguste Rodin

difficile baciare
le mani
difficile quanto bello
nel ricordo di ciò che si è dato
nel ricordo di ciò che si è preso

.

e diviene assenza
e diviene lontananza
il non appartenerci se non
estranei
dello specchio
b.l.


Questa poesia è nata come eco spontanea alla poesia che trovate cliccando qui.

Grazie a  Caterina Rotondi.

Dove si spinge la fantasia, non s’invecchia mai!


Alessandria - Foto personale
Alessandria – Foto personale

Europei di qualche anno fa:

siamo ai quarti di finale, sofferti come tutte le date precedenti. 

So di famiglie che mangiano sempre la stessa pietanza, che si dispongono sempre nello stesso modo a tavola, davanti a mamma tv ed alla sacra sfera roteante e presa a calci forsennatamente…

Quella sera ero in giro, l’auto piena di amici di ritorno da un incontro con altre persone per un mini convegno sulle proprie scelte di vita e su quanto hanno influito sulla storia. Si torna a casa presto, si cerca di percorrere quei ventisei chilometri per concludere in un pub nelle vicinanze di casa, prima che un’eventuale vittoria della nazionale ci inglobasse come tante pecore a seguito del pastore-orgoglio!

L’italia, quella sera vinse, incredibile, contro la Germania, ancora una volta (e noi facemmo bene ad anticipare il ritorno a casa, finendo la serata in allegria e birra).

Dopo un paio di giorni, per la precisione la domenica successiva, dovetti tornare nel capoluogo e… … …

che strano! Avevano fasciato le balle di fieno nei campi tutt’intorno con i colori della bandiera tedesca!

Dove si spinge la fantasia, si rimane giovani…

b.l.

giusto


Varazze - foto personale
Varazze – foto personale

.

Ho giusto un sogno

una porta da socchiudere

e sbirciarci dentro

come un gioco

che si fa da bambini

.

quando sai che non dovresti guardare

ma è troppo forte resistere

fragili

Scatto e piano

la maniglia viene giù!

 .

rumori di pane tagliato e formaggio

ed un filo verde liquido di oliva

e rosso pomodoro.

 .

odore di gracchiante macina, poi

frumento a lacrime si sfalda

giusto per nutrire

.

quelle mani bambine e fresche

amido impalpabile di dolci

a contenere voli di sabbia di mare:

nei ricordi di ancora bambina

quella stanza proibita era futuro immaginato

 .

la bimba di oggi sbircia parole

sensi nel petto pulsanti.

tasto rosso o verde? cosa manca?

il rumore del pane caldo, forse

oppure l’odore delle lacrime di frumento

b.l.