Passaggi

Trapani - Piazzetta dell'ex mercato del pesce...

Quel certo passaggio della mia vita non mi disturberebbe così tanto, penso, se non fosse legato a momenti di gioia…

Lanci di resti di angurie in spiaggia, la sera. Eravamo solo noi! Chitarra e fuoco, l’azzurrino della fiamma scompariva nel buio, lasciando l’aria tremolante tutt’intorno e quelle lingue arancio a divorare i pezzetti secchi d’arbusto.

Beppe, Patrizia ed il loro gatto: lui, pantaloni sempre attillatissimi e lei, capelli neri, che tingeva in casa. Ex figli dei fiori già troppo adulti anagraficamente negli anni settanta, ma che importava? Un muratore coi basettoni non lo avevo mai visto, io piccolina… ero il loro giocattolo, la mascotte, la sorellina minore di una della comitiva che veniva portata a seguito per dividere simbolicamente due fidanzatini. Beppe e Patrizia, giocherelloni, si prendevano in braccio ed ogni tanto si guardavano tristi, mancanti di quella gioia di un figlio mai arrivato.

Passaggi intrisi di quella gioia di vivere con poco una felicità lontana e che sà di buono, di pane caldo con quel pizzico di sale, filo d’olio, pomodoro e acciughe e quella fogliolina di basilico appena raccolta!

b.l.

Annunci

Autore: brigi1969

Amo definirmi la terza scimmietta "anomala": non vedo, non sento ...ma scrivo! Questa passione, insieme alla fotografia ed alla musica muovono i passi di una vita con difficoltà ma, per fortuna, senza particolari drammi. Un caro saluto a chi vorrà leggermi ogni tanto...

4 thoughts on “Passaggi”

    1. Si, è così… i ricordi di una bambina rivisti con gli occhi da adulta, sapori e libertà ora limitati, sia dalla lontananza tra me e il mare (gli odori aiutano a sentirsi meno lontani dalle situazioni), sia da quella fiducia dovuta all’età!
      La foto ritrae un angolo della mia città natìa, è l’ex mercato del pesce, chiuso alle attività dopo qualche anno dal mio trasferimento in Piemonte. Anche i luoghi cambiano …ed i propri motivi di essere… ora esso è un monumento pulito, lavato e spogliato di quel colore che aveva.
      Grazie per la tua lettura ed il tuo commento. Grazie di cuore.

      Mi piace

      1. Piemonte??? io sono di Torino

        sottoscrivo la tua risposta ma intendevo dire un’altra cosa, leggendo il tuo post ho pensato a quelli della mia età, i 50enni, siamo nati con la tv in b/N, il mangiadischi, il telefono nero appeso al muro e le macchine fotografiche con il rullino…
        oggi ci ritroviamo in un mondo che non avremmo mai osato neppure immaginare, l’era digitale, cosa che ci fa apprezzare ancora di più alcune immersioni nel passato.
        Ovviamente parlo della mia generazione

        Liked by 1 persona

  1. Cinque anni in più di me… che abito in provincia di Alessandria…
    Ricordo vagamente il mitico carosello, ma il fascino della tv in bianco e nero la riassaporo nei filmati di cui ho provveduto a procurarmene la raccolta completa… I ricordi sono spesso color seppia, come la foto del matrimonio dei miei genitori.
    I sapori più belli non si riescono ahimé a gustarli sul momento, ma nella loro eco…
    Grazie ancora.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...